Il respiro è la prima azione che ci rende indipendenti, è come il vento capace di muovere un oceano e come tale riesce a muovere l’energia vitale all’interno del nostro CORPO.

Saper intervenire sul respiro ed educarlo rappresenta la via maestra e la condizione necessaria per intervenire sul proprio riequilibrio psico-fisico quindi la ginnastica respiratoria sta alla base di qualsiasi lavoro Posturale.

Ascoltare il Respiro.

L’ascolto del respiro ci informa se il nostro torace si espande liberamente o se presenta dei blocchi che si riflettono su qualche tratto della colonna vertebrale.
Trattenere il respiro può creare istintive tensioni muscolari al muscolo diaframma, ai muscoli intercostali e ai muscoli del collo che diventano tesi e rigidi.

Dimmi come respiri e ti dirò chi sei…

I soggetti con atteggiamento “Posturale espiratorio” presentano un torace stretto, ipercifosi e viaggiano nella vita con la pesantezza del mondo comunicando:

“HO BISOGNO!”

Al contrario i soggetti con atteggiamento “Posturale inspiratorio” un ampio torace e una marcata energia e gridano:

“FACCIO DA SOLO!”

Buona respirazione a tutti!

PS: Seguiteci su Facebook per rimanere aggiornati cerca “Studio Therapy di Santina Grande”
o CLICCATE sul link —> www.facebook.com/studiotherapyavola/

Pin It on Pinterest